Generazione dopo generazione, verso i 150 anni. Assemblea Solenne

“Ogni volta che, seguendo le parole del Santo Padre, viene servito un pasto caldo alla mensa del Circolo S. Pietro, ogni volta che un abito viene donato a chi ne ha bisogno, ogni volta che si accoglie nella Casa famiglia un nuovo ospite, è Chiesa. È la testimonianza viva di cosa sia la Chiesa”. Con queste parole, Sua Eccellenza Rev. ma Fernando Vérgez Alzaga, ha salutato i soci del Sodalizio romano, riuniti in occasione della 149ma Assemblea solenne che si è svolta ieri, lunedì 26 febbraio, presso la sede di Palazzo S. Calisto.
“Generazione dopo generazione”, ha sottolineato il Segretario generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, “il Circolo è rimasto fedele al proprio carisma particolare, che è quello di confortare assistenza. In una parola: accogliere. Ed è proprio accoglienza la parola scelta da Papa Francesco per definire ciò che siamo noi cristiani cattolici”.
Il saluto speciale “ai soci più giovani, ai soci di domani” di Sua Eccellenza ha trovato eco nel pensiero spirituale dell’Assistente ecclesiastico del Circolo, Mons. Franco Camaldo, che ha ricordato le parole di Paolo VI in occasione della Solenne Udienza Pontificia concessa ai soci il 31 maggio 1969 per i festeggiamenti del centenario dalla fondazione: “Vorremmo che i giovani, quelli delle nuove generazioni, fossero così perspicaci e coraggiosi da comprendere la bellezza di tale formula; fossero loro a riprenderla come bandiera, a cui gli anni hanno dato onore, non vecchiaia, e che infondessero nella vostra compagine il genio e l’energia della loro età: i tempi, figli carissimi, reclamano questa vostra testimonianza”.
Forte di un nuovo gruppo di “giovanissimi soci”, il Circolo si prepara a festeggiare i 150 anni di attività, “un traguardo certamente importante”, come ha avuto modo di ricordare il Presidente Leopoldo Torlonia, “che impone un impegno ancora maggiore delle opere e del servizio a favore dei nostri fratelli meno fortunati”. Al discorso del Presidente, come ogni anno, hanno fatto seguito il giuramento dei Soci Effettivi e il conferimento del Distintivo dorato e della Medaglia dorata a chi ha compiuto, rispettivamente, venticinque e cinquant’anni di appartenenza al Circolo.
Prima dell’Oremus Pro Pontifice, preghiera serale dei soci del Circolo, Sua Eminenza Rev.ma il Sig. Cardinale Francesco Monterisi, Arciprete emerito della Basilica di San paolo fuori le Mura, ha benedetto i presenti e le loro famiglie.

Leggi l'articolo pubblicato su Roma Sette

Leggi l'articolo pubblicato su Aci Stampa

Leggi l'articolo pubblicato su L'Osservatore Romano

 

Accesso Utenti