Sezione Stampa e Bollettino

Dalla fondazione del Circolo S.Pietro viene pubblicato un Bollettino che tratta argomenti di interesse religioso e culturale, informando, inoltre, i Soci di tutte le attività e manifestazioni del Circolo.

Il Circolo come 'longa manus' del Papa. L'Udienza del Santo Padre per i 150 anni

Alle ore 11 di stamattina, giovedì 28 febbraio, il Santo Padre Francesco ha ricevuto i Soci del Circolo S. Pietro, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico, in occasione del 150° anniversario dalla fondazione. Con un pensiero di gratitudine per il bene compiuto "dai Soci di ieri e di oggi", Papa Francesco ha aperto la tradizionale Udienza in cui il Santo Padre riceve l'Obolo di S. Pietro, raccolto dal Sodalizio Romano da 150 anni nella Diocesi di Roma. Nel discorso, Papa Francesco ha poi esortato a non dimenticare mai «la forza e l’importanza della preghiera» per i soci e «per tutti coloro che sono impegnati nel lavoro caritativo: esso richiede di essere alimentato con opportune soste oranti e di ascolto della Parola di Dio». Il Papa ha affidato poi la sua consegna ai soci, chiedendo di «porre grande attenzione alle nuove povertà» e «di dare conforto e aiuto ai più poveri, senza alcuna distinzione». Ogni povero infatti, ha sottolineato con forza, «è degno della nostra sollecitudine, a prescindere dalla religione, dalla etnia, o da qualsiasi altra condizione».

Rassegna Stampa

Osservatore Romano
La Stampa
Roma Sette
Vatican News

Aci Stampa

SIR
Toscana Oggi 
SIR (2)

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI MEMBRI DEL CIRCOLO SAN PIETRO

Sala Clementina. Giovedì, 28 febbraio 2019 

Cari Soci del Circolo S. Pietro!

Sono lieto di accogliervi e di cuore vi saluto. Estendo il mio pensiero ai vostri familiari e a quanti cooperano con voi nelle diverse vostre attività caritative. Ringrazio il vostro Presidente, Duca Leopoldo Torlonia, per le sue cortesi parole. Questo incontro riveste un carattere speciale, poiché si colloca nel 150° anniversario di fondazione del vostro sodalizio, che ebbe il suo inizio nel 1869 per iniziativa di alcuni giovani romani. Essi erano animati dal desiderio di testimoniare sostegno concreto e fedeltà incondizionata al Pontefice Pio IX, in un tempo di incomprensioni tra Chiesa e Stato. Tale fedeltà si manifestò mediante gesti di solidarietà da svolgere in favore dei poveri di Roma; il Circolo divenne così la longa manus del Papa verso le fasce più indigenti della popolazione.

Insieme con voi, lodo il Signore per il bene compiuto in questi 150 anni, con un pensiero di gratitudine per i Soci di ieri e per quelli di oggi. In questo lungo periodo della sua esistenza, non sono mai venute meno nel vostro Circolo le linee programmatiche originarie, sintetizzate nei tre cardini: preghiera, azione, sacrificio. Esse sono state alla base della stupenda fioritura di attività nell’ambito della carità e dell’accoglienza agli ultimi. Da queste caratteristiche distintive dipenderanno la vitalità apostolica e il futuro della vostra associazione: vi incoraggio a seguirle con rinnovato entusiasmo. In particolare, vorrei richiamare la vostra riflessione su uno di questi tre punti fondamentali: la preghiera.

Se nel fratello che incontriamo è presente Gesù, allora l’attività di volontariato può diventare un’esperienza di Dio e di preghiera. Non dimenticate la forza e l’importanza della preghiera per voi e per tutti coloro che sono impegnati nel lavoro caritativo: esso richiede di essere alimentato con opportune soste oranti e di ascolto della Parola di Dio. Il segreto dell’efficacia di ogni vostro progetto è la fedeltà a Cristo e il rapporto personale con lui nella preghiera. Sarete così pronti a soccorrere quanti oggi vivono in condizioni di disagio o di abbandono. La nostra vita di ogni giorno va infatti permeata dalla presenza di Gesù, sotto il cui sguardo dobbiamo porre anche le sofferenze degli ammalati, la solitudine degli anziani, le paure dei poveri, le fragilità degli esclusi.

Anche ai nostri giorni il vostro prezioso servizio, articolato in varie Commissioni, vuole essere espressione efficace e testimonianza viva dell’amore che la Chiesa e in particolare la Santa Sede riservano ai poveri e ai sofferenti. Voi vi rivolgete prevalentemente ai settori della povertà umana di Roma, partecipando generosamente alle situazioni ed alle necessità di tanti fratelli e sorelle. Continuate a porre grande attenzione alle nuove povertà, cercando in ogni frangente di dare conforto e aiuto ai più poveri, senza alcuna distinzione. Ogni povero è degno della nostra sollecitudine, a prescindere dalla religione, dalla etnia, o da qualsiasi altra condizione. Andando incontro ai poveri, recando sollievo ai malati e ai sofferenti, voi servite Gesù, il quale ha assicurato: «Tutto quello che avete fatto a uno dei più piccoli di questi miei fratelli, l’avete fatto a me!» (Mt 25, 40).

La vostra benemerita istituzione, pur essendo presente da molto tempo nel tessuto sociale romano, porta in sé ideali evangelici e una vitalità che la rendono ancora oggi idonea ad offrire un valido contributo anche nel campo dell’accoglienza e dell’apostolato della carità. In un tempo di grandi cambiamenti e di persistente precarietà economica, in cui la comunità ecclesiale si sente chiamata ad annunciare nuovamente il messaggio cristiano e la sua forza di umanizzazione, dovete essere consapevoli che la vostra opera ha ancora un ruolo importante da svolgere.

Vi ringrazio per tutto quello che fate e per l’obolo di San Pietro, che come ogni anno siete venuti a consegnarmi: esso costituisce un ulteriore segno di apertura alle persone in difficoltà. Al tempo stesso, è una concreta partecipazione alla sollecitudine della Sede Apostolica a rispondere alle crescenti urgenze della Chiesa specialmente nei Paesi più poveri. Desidero, ancora una volta, manifestare il mio vivo apprezzamento per il vostro impegno, animato da convinta fedeltà e adesione al Successore di Pietro. La Vergine Santa accompagni e sostenga con la sua materna protezione i vostri propositi e i vostri progetti di bene.

Vi chiedo di pregare per me e per il mio servizio alla Chiesa, e di cuore imparto a voi qui presenti, come pure a quanti vi affiancano nelle varie vostre attività, la Benedizione Apostolica, che estendo volentieri alle vostre famiglie. Grazie. 

INDIRIZZO DI OMAGGIO DEL PRESIDENTE LEOPOLDO TORLONIA

Beatissimo Padre,
il primo sentimento che sgorga dal nostro cuore e dalle nostre labbra è il più vivo ringraziamento e la prima parola è: grazie! Di tutto cuore e da parte di tutti!

L'incontro con Vostra Santità rappresenta il momento centrale in cui il Circolo S. Pietro apprende dal cuore del Padre nuove e preziose coordinate per navigare in sicurezza nel mare della solidarietà e della carità.

Bussola infallibile sono per noi soci le Sue parole, Padre Santo. In questa stessa occasione, lo scorso anno Lei ci ha esortato ad essere ancora di più «volto di una Chiesa che si spinge ai confini; che non è mai ferma, ma cammina per andare incontro ai fratelli e alle sorelle che hanno fame e sete di ascolto, di condivisione, di prossimità, di solidarietà». In cuor suo, ogni socio ha cercato di fare proprio questo incoraggiamento, donandosi nel servizio ogni giorno un poco di più, senza pretendere quella reciprocità che il senso profondo della parola "dono" non compendia affatto.

L'Udienza che Vostra Santità ha voluto concederci oggi è per il Circolo quella che segna un traguardo importante e significativo: i suoi primi 150 anni di vita, quindici decenni spesi per difendere la dignità degli ultimi nel cuore della Chiesa cattolica.

«Tralcio della ricca e feconda "vite" della carità, espressione della "vigna" ecclesiale di Roma», come Vostra Santità ha voluto paternamente definirci, il Circolo prosegue quel cammino indicato dai Successori di Pietro e dai Padri fondatori.

Nella grande famiglia cattolica, il nostro amato Circolo è noto come il “braccio della carità del Santo Padre nella Sua Diocesi”. Tutte le nostre Opere di carità assicurano la presenza costante, vivificata dalla Parola, dei soci e delle socie, dei volontari e dei giovani, in un clima d'amore che ci piace definire famigliare. Perché è proprio in famiglia che impariamo ad aprirci agli altri e a crescere in libertà e in pace.

Nel corso di questo anno, la grande famiglia del Circolo ha donato oltre 42.000 pasti e quasi 700 pacchi viveri attraverso l'Opera delle Cucine economiche; 6500 pernottamenti mediante le Case famiglia e oltre 7200 presso gli Asili notturni; oltre 4500 sono stati i giacconi offerti dalla Commissione Guardaroba per contrastare il freddo rigidissimo di quest'anno. Questi pochi numeri aiutano a comprendere quanto facciamo e quanto abbiamo in animo di fare ancora, coinvolgendo il maggior numero di persone possibili.

Il Circolo S. Pietro si rinnova continuamente nelle persone e nelle attività restando fedele al suo carisma e cercando di essere sempre perfettamente al passo coi tempi, grazie anche ad un gruppo di ragazzi sempre più addentro alle dinamiche di un'associazione realmente giovane, ma che si fonda ed è memore di ognuno dei suoi 150 anni.

Loro sono sicuramente la nostra assicurazione sul futuro, nel segno di una tradizione consolidata che vede generazioni di famiglia — nonni, genitori, figli e nipoti — passarsi il testimone nella staffetta della carità, ma sono soprattutto l’«adesso di Dio: non sono in sala d'attesa, ma già protagonisti, sono l'ora di Dio», come Vostra Santità ha detto alle centinaia di migliaia di giovani entusiasti riuniti a Panama per la Giornata Mondiale della Gioventù.

Il dono speciale e peculiare del Circolo S. Pietro per la città di Roma, in occasione del 150esimo anno di attività, è la rinnovata Casa famiglia in via di S. Giovanni in Laterano che sarà intitolata alla magnifica figura del Papa San Paolo VI, Socio del nostro Circolo. Quest'opera, che verrà realizzata anche grazie al prezioso aiuto della Fondazione Bambino Gesù Onlus, accoglierà i bambini, ricoverati presso l'ospedale pediatrico, insieme ai loro famigliari, così come accade nella struttura già attiva in via della Lungaretta.

In questo solenne momento Le rinnoviamo la promessa che il nostro impegno di carità non verrà mai meno per amore a Cristo e rimanendo fedeli alla Chiesa e al Vescovo di Roma.

Voglia altresì accogliere l'offerta dei fedeli delle Parrocchie di Roma: l'Obolo di San Pietro raccolto in tutta la Città nelle giornate della Carità del Papa dell'anno appena trascorso.

Padre Santo,
mentre riaffermiamo la nostra volontà di svolgere il servizio e il nostro apostolato con serena umiltà e con l'assicurazione della nostra quotidiana preghiera per il Pastore della Chiesa Universale, imploriamo la Benedizione Apostolica su di noi, sulle nostre opere, sui nostri familiari ed i nostri assistiti, invocando la protezione di Maria Santissima, Salus Populi Romani, e di San Pietro, nostro celeste Patrono.

 

Pubblicato in Sezione Stampa e Bollettino

La dignità degli ultimi. 150ma Assemblea Solenne

«Lo spirito evangelico che anima e caratterizza la vostra opera è la vera chiave del segreto di una storia così lunga e luminosa». Queste le parole che Sua Eminenza Reverendissima, il Signor Cardinale Angelo De Donatis, Vicario Generale di Sua Santità, ha rivolto ai soci del Circolo S. Pietro, riuniti nella serata di oggi, venerdì 22 febbraio, nella Sala della Conciliazione del Palazzo Apostolico Lateranense, in occasione della Festività della Cattedra di S. Pietro. «Voi avete imparato», ha continuato Sua Eminenza, «che l'amore è gratuito e che questo non viene dato per giungere ad un altro obiettivo, avete imparato e insegnato ai soci più giovani che spesso è proprio l'assenza e la negazione di Dio a generare sofferenza, a spingerci nelle zone d'ombra dell'esistenza». 

Con l'Assemblea solenne, il Circolo S. Pietro ha dato inizio ai festeggiamenti del 150esimo anno di attività, un traguardo importantissimo, raggiunto stando sempre dalla parte dei deboli, come ha sottolineato Monsignor Franco Camaldo, Assistente Ecclesiastico del Sodalizio. «È un momento doppiamente solenne quello che stiamo vivendo», ha continuato Sua Eminenza De Donatis, che ha presieduto l'Assemblea, «perché, oltre a ringraziare la Provvidenza per aver consentito ad ognuno di voi di affrontare questo particolare anno sociale, dobbiamo ringraziarla per aver concesso il traguardo dei 150 anni di attività ad un'associazione che è espressione viva e testimonianza efficace dell'amore che la Chiesa, e in particolare la Diocesi di Roma, riserva ai poveri, ai sofferenti, agli ultimi».

La Relazione Morale del Presidente Leopoldo Torlonia - che riportiamo per intero - si è focalizzata sul tema della dignità degli ultimi e sulla necessità di restituire al concetto stesso di dignità la sua essenza di valore universale a ogni uomo e da rispettare negli altri. Perché è nel Cristianesimo che, per la prima volta, troviamo una dignità non più dipendente da meriti o demeriti: ogni uomo ha dignità per natura perché partecipa all'immagine stessa del Signore. 

Come ogni anno, Papa Francesco ha inviato un «cordiale e beneaugurante pensiero» e la sua «benedizione apostolica» con un messaggio a firma di Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Pietro Parolin, Cardinale Segretario di Stato di Sua Santità. Hanno inviato un loro pensiero anche il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Angelo Sodano, Decano del Collegio Cardinalizio (che si è complimentato per la «gloriosa tradizione di fedeltà al Successore di Pietro e di generoso impegno per la carità del Papa a servizio dei poveri di Roma») e da Sua Eccellenza Reverendissima Edgar Peña Parra, Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato.

Durante la cerimonia, Sua Eminenza Reverendissima, il Signor Cardinale Angelo De Donatis e l’Ambasciatore d’Ungheria presso la Santa Sede, Sua Altezza Imperiale l’arciduca d’Austria Eduard Habsburg-Lothringen sono stati acclamati soci onorari del Circolo S. Pietro.

La 150esima Assemblea Solenne del Circolo S. Pietro ha visto la partecipazione di numerose autorità ecclesiastiche, militari e civili. In conclusione, l’Assistente Ecclesiastico del Circolo, Mons. Franco Camaldo ha rivolto un saluto, quindi, Sua Eminenza De Donatis ha benedetto i presenti e le loro famiglie dopo la recita dell'Oremus Pro Pontifice, la preghiera che, ogni sera alle 19, i soci innalzano al Signore.

***
Rassegna stampa
Il Fatto Quotidiano
Avvenire (23 febbraio)
Osservatore Romano (24 febbraio)
Il Corriere della Sera (24 febbraio) pagina 1 e pagina 2
Roma Sette (24 febbraio)
La Stampa (25 febbraio)
Aci Stampa (25 febbraio)
***

Relazione Morale del Presidente Leopoldo Torlonia

Eminenza Reverendissima, Eminenze, Eccellenze Reverendissime, Eccellenze, Reverendissimo Monsignor Assistente, Reverendissimi Monsignori, Autorità civili e militari, Signore e Signori Soci, Volontarie e Volontari, Cari Amici, è con enorme gioia che do il benvenuto ad ognuno di Voi alla 150esima Assemblea Solenne del Circolo S. Pietro.

Ringrazio Vostra Eminenza per averci concesso di celebrare questo traguardo così importante nel Palazzo Lateranense, Sede Papale e residenza ufficiale dei Romani Pontefici per più di mille anni, ed in particolare nella Sala della Conciliazione. Proprio qui, esattamente novanta anni fa, vennero firmati gli accordi di mutuo riconoscimento tra il Regno d'Italia e la Santa Sede che stabilirono regolari relazioni bilaterali tra i due Stati per la prima volta dall'Unità d'Italia.

Nella grande famiglia cattolica, il nostro amato Circolo è noto come il “braccio della carità del Santo Padre nella Sua Diocesi”, un'espressione straordinariamente bella e quanto mai onerosa, di cui ognuno di noi è orgoglioso e fiero di potersi fare carico. Proprio da quel concetto, che rimanda ad un’azione diretta e operativa, deriva la nostra stessa identità, definita e rafforzatasi in un secolo e mezzo di apostolato all'interno di una realtà complessa e davvero unica qual è quella della carità.

A guidarci abbiamo sempre avuto le parole dei Successori di Pietro, fin dal Beato Pio IX che affidò al Circolo il primo impegno di carità da svolgere in favore dei poveri. Come ognuno di noi ben sa, quattro Pontefici sono stati soci del nostro Circolo, “consoci” di cui siamo giustamente fierissimi. Mi riferisco alle amate figure di Benedetto XV, Pio XI, Pio XII, infine, a quella di S. Paolo VI, proclamato santo dal suo quarto successore, Papa Francesco.

Il 12 maggio scorso, durante la tradizionale udienza in cui consegniamo l'Obolo di S. Pietro, oggi chiamato la Carità del Papa, il Santo Padre ha voluto rivolgerci parole che hanno riempito il nostro cuore di gioia, definendoci «un tralcio della ricca e feconda “vite” della carità, espressione della “vigna” ecclesiale di Roma. Voi vi sforzate», ha continuato Papa Francesco, «di essere il volto di una Chiesa che si spinge ai confini, che non è mai ferma, ma cammina per andare incontro ai fratelli e alle sorelle che hanno fame e sete di ascolto, di condivisione, di prossimità, di solidarietà».

Continuiamo a fare nostra l’esortazione del Santo Padre a proseguire su quel cammino iniziato un secolo e mezzo fa, senza mai dimenticare che ogni socio, fin dalla fondazione, ha per statuto il privilegio di contribuire al progresso civile e morale della nostra società, partecipando direttamente e primariamente al suo rinnovamento cristiano. Oggi più che mai, potremmo dire, a restituire dignità a chi crede di non possederne più.

Da 150 anni, il Circolo S. Pietro restituisce dignità a chi, in alcuni momenti tragici della propria vita, ha dimenticato di essere immagine di Dio e di essere stato posto al centro dell’universo. Per fare questo, la nostra “comunità di carità” ha saputo andare incontro alle mutevoli forme di povertà che le nuove congiunture socio-economiche hanno portato e continuano a portare con sé, rinnovando l'impegno di amore e di fedeltà verso il Santo Padre, confermando la professione di fede, coltivando la crescita morale e spirituale dei consoci, specialmente i più giovani.

Sempre vitale e debitamente corazzato a combattere le nuove povertà, il Circolo S. Pietro ha dimostrato di saper comprendere l’importanza e di saper farsi carico delle conquiste, anche tecniche, che possono agevolare il lavoro svolto da ciascun socio. Non c'è dubbio che stiamo vivendo tempi più che fecondi da questo punto di vista, complessi e altrettanto ricchi di cambiamenti soprattutto sotto il profilo della comunicazione.

Ogni trasformazione, grande o piccola che sia, porta con sé una ridefinizione dei nostri comportamenti e, di conseguenza, di molti degli strumenti che usiamo per dare senso alla nostra storia e alla nostra natura. Dall'utilizzo nelle comunicazioni dei Servizi d'onore alla Raccolta dell'Obolo, dalle campagne di raccolta online, l'ormai notissima Oggi offro io!, alla condivisione di informazioni e competenze, le tecnologie digitali, ad esempio, non fanno che semplificare e migliorare gli ingranaggi di azioni e attività giornaliere proprie del nostro operato da 150 anni.

Sviluppare una riflessione aperta, contribuendo alla più ampia discussione sul vantaggio di una diversità di approccio ad una medesima attività – pensate a quanto internet abbia agevolato le nostre raccolte di fondi ad esempio – è segno di un Circolo perfettamente al passo coi tempi, rinvigorito inoltre da un gruppo di ragazzi sempre più dentro alle dinamiche di un'associazione realmente giovane perché memore di ognuno dei suoi 150 anni.

Contrariamente ad un'immagine statica, paludata, ferma al passato, il nostro Circolo si dimostra sempre più innovativo, efficace, basato su una reale proattività. Voglio ricordare in questa sede una piccola parte di ciò che facciamo con alcuni numeri: oltre 42.000 pasti e quasi 700 pacchi viveri distribuiti dalle Cucine economiche; 6500 pernottamenti delle Case famiglia; oltre 7200 pernottamenti degli Asili notturni; infine oltre 4500 sono gli indumenti offerti dal Guardaroba per contrastare l’emergenza freddo; senza dimenticare i fondi raccolti grazie alle Esposizioni di novembre e maggio, tradizionali appuntamenti gestiti in maniera impeccabile e discreta da un affiatato gruppo di Signore.

In questa occasione solenne, desidero esprimere la più profonda gratitudine al mio predecessore, il Marchese Marcello Sacchetti, che questa sera non ha potuto essere qui insieme a noi.

Come ogni anno, il mio caloroso ringraziamento va a voi, cari soci del Circolo S. Pietro, per quella straordinaria solerzia che non mancate mai di dimostrare, per la pronta disponibilità che assicurate ogni giorno, per il preziosissimo lavoro che portate avanti nel segno di quanti ci hanno preceduto in 150 anni di carità.

Un caloroso grazie va ai volontari che prestano servizio nelle nostre Opere, presenze insostituibili che coadiuvano i soci, fornendo un eccellente valore aggiunto a quanto facciamo ogni giorno.

Viva riconoscenza esprimo poi al nostro caro Assistente Ecclesiastico, grazie di cuore, Monsignore, per il modo in cui ci aiuta a crescere spiritualmente e per la chiarezza con cui riesce a portarci la parola del Santo Padre. Estenda, caro Don Franco, la mia gratitudine ai sacerdoti che avvicinano alla parola di Dio la vita e le attività giornaliere di ogni Commissione.

Grazie altresì alle Suore di Carità dell’Immacolata Concezione di Ivrea, alle Maestre Pie Venerini, alle Suore Missionarie di Gesù Eterno Sacerdote e alle Suore Cistercensi di S. Susanna per l’inestimabile sostegno prestato alla piena realizzazione delle nostre Opere.

Sarebbe bello, in un’occasione tanto solenne, poter citare le innumerevoli realtà con cui il Circolo S. Pietro è entrato in contatto nella sua storia, un elenco che, come una macchina del tempo, sarebbe in grado di svelare storie straordinarie, di vicinanza e rinascita, di impegno e crescita, di ascolto e di preghiera.

Non dimenticherò certo la consueta e fruttuosa collaborazione con la Delegazione di Roma dell’Ordine di Malta, la Caritas, l’Associazione Italiana Sindrome di Williams, la Piccola Famiglia Onlus e tutte le parrocchie romane che abbiamo raggiunto, anche con i nostri buoni pasto.

Grazie alla Presidenza ed alla Segreteria Generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e alle sue Direzioni, per quella prossimità che ci fa sentire davvero parte della stessa grande famiglia: in special modo, grazie al Corpo della Gendarmeria Vaticana, sempre presente nei momenti salienti della nostra attività annuale e dei nostri servizi, e alla Direzione dei Servizi Economici che ci offre la possibilità di realizzare la Raccolta alimentare.

Un grazie anche alla Guardia Svizzera con la quale condividiamo il servizio durante le Cerimonie presiedute dal Santo Padre. Un ringraziamento agli uffici del Vicariato di Roma con i quali collaboriamo costantemente ed in modo speciale per questo momento per noi storico.

Il sentimento di gratitudine cordiale di tutti noi va poi all’“Ospedale Pediatrico Bambino Gesù”, col quale presto condivideremo una giornata dedicata all’accoglienza che rinsalderà ancora di più il legame naturale di due istituzioni romane che condividono, inoltre, gli stessi anni di servizio.

Desidero citare i nostri benefattori, uomini, donne, realtà imprenditoriali che ci dimostrano continuamente fiducia e apprezzamento per l’attività che svolgiamo, rimanendo al nostro fianco per ogni nuovo impegno di carità: Poste Insieme Onlus di Poste Italiane, Fondazione Charlemagne, Yoox, Fondazione Peretti, BNL-BNP Paribas, EPM Servizi di Luigi Esposito, De Vellis Servizi globali, EP di Pasquale Esposito.

Il tratto distintivo del Circolo sta nel sapersi rinnovare, senza mai dimenticare quel valore della tradizione che vede generazioni di famiglie passarsi il testimone della carità nelle stesse, eppure sempre diverse, Opere di carità. È bellissimo notare come tra noi siedano i pronipoti dei nostri Padri fondatori: alcuni dei giovani qui presenti, fatto piuttosto raro di questi tempi, rappresentano la terza generazione di soci del Circolo S. Pietro. Come ha indicato Papa Francesco ai giovani durante la GMG di Panama: «vogliamo essere Chiesa che favorisce una cultura capace di accogliere». Lo siamo stati e lo vogliamo essere ancora.

Il dono speciale del Circolo S. Pietro per la città di Roma, in occasione del 150esimo anno di attività, è la rinnovata Casa famiglia in via di S. Giovanni in Laterano che sarà intitolata alla magnifica figura di S. Paolo VI. Quest’opera, che verrà realizzata anche grazie al prezioso aiuto della Fondazione Bambino Gesù Onlus, accoglierà i bambini, ricoverati presso l’ospedale pediatrico, insieme ai loro famigliari, così come accade nella struttura attiva in via della Lungaretta.

Questo è il nostro programma per i prossimi anni, questo il testimone che vogliamo lasciare a chi verrà dopo di noi: continuare ad essere «carezza di Dio»1.

Ci sostenga nel nostro cammino Maria Santissima, Salus Populi Romani, l’umile serva del Signore, alla quale chiediamo di proteggere, in questa occasione tanto solenne, il Circolo S. Pietro e ognuno dei suoi assistiti.

Pubblicato in Sezione Stampa e Bollettino